Home

Le libere…improvvisazioni. L’eccezione e la regola: dai percorsi musicali ai percorsi di cura.

Convegno PerSona. 24 e 25 OTTOBRE 2019

EVENTO GRATUITO con iscrizione obbligatoria. 9.8 crediti ECM previsti.

CLICCA QUI per il programma dell’evento
CLICCA QUI per la scheda di iscrizione all’evento – ISCRIZIONI APERTE fino ad esaurimento posti
CLICCA QUI per informazioni su come arrivare con i mezzi pubblici

Alla stessa stregua della musica, lo studio della psicopatologia clinica assume il carattere della disciplina. Si affrontano contenuti razionali ed emotivi intrecciati in dimensioni ampie e articolate e in continua relazione con una operatività quotidiana: la musica nell’esecuzione e nell’espressione di armonici elementi affettivo-emotivi, la psicopatologia clinica nell’incontro relazionale rivolto alla cura.

Discipline dunque nel momento della coniugazione in un incontro “qui e ora” di conoscenze apprese con un lungo tirocinio di studi. Attività complesse, integranti aree mentali diverse dalla sfera cognitivo razionale a quella affettivo-emotiva.

Facile la sensazione di smarrimento, cui la tentazione di ricorrere a rassicuranti regole definite (ipse dixit…) sembra periodicamente inviare i propri messaggi seduttivi.

In altra direzione può apparire altresì importante la presenza di punti di riferimento costanti e sicuri, a chi intenda affrontare navigazioni in acque poco conosciute, al fine della certezza di un viaggio di ritorno.

Una regola in funzione di un riferimento dinamico quindi, e non “vincolante sintesi stanziale”, come potrebbe talora apparire nel rigore “evidence based” o di talune “ferree esecuzioni musicali”.

In questa prospettiva l’improvvisazione consapevole, può forse offrire una sintesi tra la conoscenza e la disciplina applicate alla possibilità di relazione approfondite in direzione di “territori ancora non consapevoli come possibili terreni di nuove esperienze emotivo-affettive”.

Nel campo musicale un dialogo sonoro improvvisato che avvenga a seguito di un apprendimento approfondito e puntuale delle regole musicali quindi, mentre nell’ambito clinico tramite la possibilità di un territorio di cura, dinamico nell’incontro terapeutico con l’Altro.

Il tutto in un atteggiamento scientifico di sperimentazione, verifica e misurabilità.